A rapporto!

Questo blog è silente da un po’, ma il tempo era poco, c’erano un libro di mezzo e i preparativi per l’ennesima fuga dall’Italia.

Andiamo con ordine: il mio libro “Non vedo l’ora che venga domenica” è stato presentato la settimana scorsa con una consistente partecipazione di pubblico (io dicevo 100 persone, la questura 300…o di solito è il contrario?). La cosa mi ha reso felicissima e mi ha ripagato del modo deludente in cui la serata si è svolta…serata in cui si è parlato del libro quasi per sbaglio e si è lasciato posto a sproloqui senili e a propagande politiche.

Vi risparmierò il resoconto, dato che non vorrei addentrarmi a parlare di cose che non interessano a nessuno, segnalandovi invece altri contributi estremamente interessanti e gratificanti.

In primis, per la vera presentazione “parlata” del libro, fatta da persone che il libro l’avevano letto e vissuto per davvero, vi rimando a “Overbooking“. Ascoltate tutta la puntata perché è davvero bella ed emozionante! Da non perdere le letture di Elisa Veronese e il video che Massimo Battistella ha girato ispirandosi al mio libro, disponibile anche sul sito di Radio San Donà.

Samantha Ragazzi, che ha letto in anteprima il manoscritto quando ancora non era stato stampato, mi ha invece intervistato per il magazine CoseBelle, durante una divertente conversazione via Skype in cui abbiamo parlato del mio libro e di tantissime altre cose! Ecco l’intervista. Di Samantha, che tra l’altro è mia collega in Nuok, potete leggere anche gli articoli sulla New York segreta e misteriosa qui.

Per quel che mi riguarda, posso dirmi molto orgogliosa oltre che per queste cose che vi ho appena raccontato, anche perché ieri ho acquistato un fantastico volume fotografico sui più famosi casi di cronaca nera italiani…la copertina era rotta e mi hanno fatto lo sconto! Grande grande soddisfazione!

Nient’altro da dichiarare!

Share the love!
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Buffer this pageEmail this to someone
  • graziano

    Confermo tutto! Io c’ero…