Calzini con i sandali? Anche peggio.

Sì: qualcuno che si mette i calzini sotto i sandali c’è. Alcuni, se è per questo, vanno anche in giro scalzi.
Questo autunno berlinese, tuttavia, mi ha sorpreso per un altro motivo.
È di grandissima moda, tra le teutoniche giovani o vecchie, magrissime o con le curve, bionde o more…vestirsi in questo modo:
(e sì, ritornano a grande richiesta i miei disegnini) 

Avete capito?

Nel primo caso, abbiamo lo stivale pesante invernale di materiale vario, indossato con una gonna più o meno corta. Niente di male. vero? In generale no.
Il problema è che l’autoctona ci mette un CALZETTONE DA ARRAMPICATA in mezzo.
Di lana grezza, meglio se urticante. Il colore? Non importa, basta che il calzino CI SIA.
Lo fa uscire di quei 7-10 centimetri dallo stivale, perché lo vuole mostrare quel tanto che basta a trasmettere tutto il suo senso per l’eleganza e la raffinatezza.

Passiamo alla seconda immagine. Abbiamo sempre un’abbinata gonna-scarpe, dove le scarpe sono però rigorosamente basse e di vario tipo: da ginnastica, derby, eleganti…non importa.
Qual è il dettaglio di teutonicità? Semplice: lo scaldamuscolo, di solito molto allentato e largo e di colore chiaro, che va a ricoprire parte della caviglia e, in alcuni casi anche gran parte della scarpa.
Anche qui, il colore è lasciato assolutamente al caso.

__
Nella prossima puntata, parleremo di un altro interessante abbinamento, che pare andare di pare passo con il cosiddetto CC (*coefficiente di chiattonaggine): lo short (che io ancora chiamo GONNA PANTALONE), di per sè capo orripilante, indossato con collant (d’estate anche senza) e stivali.
L’abbinamento riuscirebbe a togliere 40 centimetri di altezza ad una spilungona anoressica, ma le ragazze con un alto CC sembrano non accorgersene, e sfilano imperterrite con il loro minuscolo pezzetto di ginocchio al vento, ignare e felici.

Come tante piccole matrioske.

Share the love!
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Buffer this pageEmail this to someone