Desideri non irrealizzabili

Periodo di buoni propositi.

Ci sono i buoni propositi recidivi, come smettere di fumare e iniziare un corso in palestra, ci sono quelli vani, come essere meno furibondi il lunedì mattina e non dire le parolacce, ci sono quelli di facile esecuzione, come togliersi lo smalto quando è ridotto a brandelli sulle unghie, e infine ci sono quelli che non sono veri buoni propositi bensì un mantra ripetuto all’infinito e valido ogni giorno.

Poi ci sono i desideri non irrealizzabili.

Di cosa si tratta?
Partiamo dal presupposto che nessun desiderio è davvero irrealizzabile se si rompono le palle a sufficienza. Malgrado il nostro ottimismo, sappiamo che cose come nuotare nell’oceano con i delfini o tenere un discorso di ringraziamento per un Oscar sono un tantino difficili da ottenere. In zona non c’è un oceano, ad esempio, e se ci fosse, dovremmo stare lì a cercare i delfini e a convincerli a nuotare con noi.
Non impossibile, certo.
Per l’Oscar, ci sarebbe un bel corso di recitazione, un po’ di applicazione, i contatti giusti, la parte che ti fa sfondare e via. Ma chi ha tempo per un corso di recitazione al giorno d’oggi, siamo seri, dai.

Torniamo ai nostri desideri non irrealizzabili.
I desideri non irrealizzabili sono lì, a portata di mano. Eppure, a volte, passano anni prima di afferrarli. Perché? Mistero. (e tanta pigrizia)
Ad esempio, il desiderio non irrealizzabile di Alessio è guidare una metropolitana. Potevo dirlo, vero?

Il mio desiderio non irrealizzabile, da molti anni, è di avere una bella foto sott’acqua, al mare, in piscina, con i delfini, non mi interessa, basta che ci sia acqua. (oddio, è possibile avere dei delfini?)

Una di quelle foto con la faccia un po’ deformata e i capelli che vanno da tutte le parti. Come un astronauta che fa le acrobazie sulla luna, tipo. Oppure con gli occhi aperti facendo finta di vedere il fotografo e di non essere completamente accecati dall’acqua.
In quella luce azzurrata un po’ alienante, sorridere cercando di non bere, come se niente fosse.

Ma sott’acqua. 

 

 

 

Share the love!
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Buffer this pageEmail this to someone
  • È davvero non irrealizzabile il tuo! Ho già un piano: quando vengo a Berlino andiamo in piscina, porto la macchina fotografica e andiamo in acqua presto presto la mattina così non c’è nessuno. Oppure vieni da me a Rimini alla spiaggia dei miei…ma non credo che l’acqua sia così limpida. :S
    Il mio desiderio non irrealizzabile è trovare un occupazione che mi faccia viaggiare tantissimo e conoscere culture lontane dalla mia e farmi sentire utile. Però non ho ancora trovato il modo per renderlo davvero non irrealizzabile. Forse dovrei iniziare a andare/provare/rompere le palle!

  • Margaret,
    riesci anche a realizzare il mio? ti prego! anche la metropolitana di Rimini va benissimo!

  • Martina

    Non ci sono più scuse, ecco il tuo regalo per il prossimo Natale!
    http://www.newzealandnz.co.nz/activities/swim-with-dolphins.html

  • Sam

    Quando torni in ITAGLIA ci organizziamo con il mio fidansato! lui non vede l’ora di sperimentare!

  • Pingback: 92 minuti di tremendo aggiornamento estivo | Giulia Depentor()