Happy fu**ing year!

Certo eravamo giovani, eravamo arroganti, eravamo ridicoli, eravamo eccessivi, eravamo avventati, ma avevamo ragione.

Ho appena scrittoecancellato un post dove facevo un bilancio del 2010 e mi scagliavo contro questo e quello, concludendo che è stato l’anno in cui abbiamo capito cosa NON vogliamo fare, dove NON vogliamo vivere, e come NON vogliamo diventare.

L’ho cancellato per due motivi: primo perché il mio libro ha provocato malcontento qua e là ed ho avuto la mia prima quasi querela (che emozione!) e non vorrei aggiungerne subito un’altra. Secondo perché alla fine è passato e non abbiamo tempo da perdere a rimuginare su quello che è stato, dato che di tempo ne abbiamo perso anche troppo.

E poi…questo 2010 è stato anche prezioso perché ci ha portato nuovi amici, ci ha aiutato a tagliare rami secchi e ci ha convinto definitivamente a prenotare il biglietto aereo che il 13 gennaio ci porterà di nuovo lontano da qui.

Ci ha confermato che abbiamo sempre avuto ragione, ci ha aiutato a disprezzare chi ci disprezza perché siamo troppo giovani, e ci ha permesso di ridere in faccia a tanta gente.

Quindi…auguri a tutti, tranne a quelli che si accontentano.

Share the love!
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Buffer this pageEmail this to someone
  • graziano

    Ti auguro il meglio!