Venezia, prima della guerra – Il bisnonno Marino

Avevo un bisnonno, o meglio…ne avevo otto, come tutti.
Però ne ho scelto uno, il bisnonno M. e ho deciso di raccontare la sua storia.


Ho ricostruito gran parte della sua vita grazie ad una favolosa avventura che mi ha portato a correre in giro per Berlino, tra consolati e cimiteri…eppure mi sono dovuta fermare.

Perché?

Prima di tutto, perché il bisnonno a un certo punto è morto e non c’era molto altro da scoprire. Secondo, perché la seconda parte della storia -quella che ancora non conosco- prevede dei parenti tedeschi sconosciuti, che non sanno chi sono e forse neanche hanno voglia di scoprire che il bisnonno, ehm, di famiglie in giro per il mondo ne aveva più di una.
Diciamo tre.
Due e mezza, via.

Senza considerare l’annoso problema: chi è che non parla ancora bene il tedesco e non ha coraggio neanche di provare a “buttarsi” e di telefonare a questa lunga lista di personaggi?

Poi mi sono anche chiesta: ok, ho scoperto cos’ha fatto qui a Berlino, ho scoperto i suoi spostamenti, ho visto la sua casa, ho anche trovato un po’ di fotografie…e adesso cosa me ne faccio?

Provo a scrivere una storia un po’ romanzata con quello che ho raccolto?
Ci provo.

Screen Shot 2015-10-28 at 11.42.33 AM

Ho scritto il primo episodio, senza sapere in realtà se avrei continuato con il resto, ed è stato pubblicato su Rivista Inutile.

Poi -che meraviglia- ho iniziato a ricevere alcune mail di persone (ebbene sì, non solo parenti!) che mi esortavano a continuare con…e io ho deciso di farlo.

Prima di darvi i link di tutte le puntate, creiamo un po’ di atmosfera:

Ci troviamo a Venezia, poco prima della Seconda Guerra Mondiale. Un cameriere di origini marchigiane che per passione canta anche come baritono (e pare che sia anche molto bravo), saluta sua moglie e i suoi figli e parte per la Germania.

Vi suggerisco anche una canzone da ascoltare (alla fine del post). Perché proprio questa? Perché il periodo è quello giusto, perché piace alla mia nonna (la figlia di quell’uomo in partenza per la Germania) e perché io ho sempre immaginato -dato che lui era un cantante lirico- che fosse uno dei suoi pezzi forti.

Buon ascolto…e se avete voglia di accompagnarmi, buon viaggio!

1) Il condominio di Wittenau
2) I cimiteri
3) Facciamo un passo indietro
4) Un fascicolo al Consolato
5) La seconda parte del fascicolo
6) La tomba dimenticata

Share the love!
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Buffer this pageEmail this to someone