Maine – “Pet Sematary” (Stephen king)

Non c’era tappeto di aghi, lì. C’era un cerchio quasi perfetto di erba falciata, del diametro di dieci o dodici metri. Era delimitato per circa tre quarti da un folto sottobosco e per il resto da un groviglio di alberi caduti, che si presentava a un tempo sinistro e pericoloso. […] La radura era zeppa di lapidi, evidentemente fatte dai bambini con tutto quello che avevano potuto trovare in giro: stecche di legno o di metallo, pezzi di latta. Si stagliavano simmetriche, contro il perimetro di bassi cespugli e di alberelli sparuti che si contendevano la luce e lo spazio vitale. La loro goffa manifattura, il fatto che di quello che c’era lì fossero responsabili degli esseri umani e lo sfondo creato dalla foresta conferivano al luogo uno strano genere di profondità […]

Schermata 2014-04-01 a 16.31.15

Schermata 2014-04-01 a 16.32.40

Le altre tappe del Coast to Coast letterario

Share the love!
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Buffer this pageEmail this to someone