In mezzo all’isola del Nord

La mia lenta e metodica esplorazione della Nuova Zelanda ha recentemente subito una brusca accelerazione: dopo il weekend a Rotorua che vi sto per raccontare, in un paio di settimane prenderò un aereo che mi porterà nell’altra isola (quella a Sud). I cerchietti della mia mappa si stanno moltiplicando!

Perché questa fretta? Ho una sorpresa: torno in Europa!
L’avventura neozelandese sta per terminare e il 24 settembre metterò nuovamente piede sul suolo italiano. Tempo di disfare le valigie, di dire ciao alla mamma e al papà (e a chi capita), di riprendere il ritmo del fuso orario e poi, via, verso qualche altra meta. Quale? Ancora non si sa.
Quel che è sicuro è che , come diceva David Bowie, I don’t know where I’m going from here, but I promise it won’t be boring . (ho trovato questa frase nel blog di Ben e Annie -i gestori del negozio di frutta e verdura vicino a casa mia- che hanno appena deciso di mollare tutto e di partire per un viaggio di un anno in Asia).
Ma vi racconterò di questa decisione con calma e dovizia di particolari.

Screen Shot 2014-08-19 at 10.10.15 PM

 

 

Detto ciò, torniamo all’argomento dell’articolo: Rotorua, Waiotapu, Waitomo e Aranui Cave.

Tutte le volte che vi ho parlato della Nuova Zelanda, ho cercato di trasmettervi la mia meraviglia nei confronti di una terra dove la natura esplode e non lascia spazio a nient’altro. Vi ho raccontato della libertà data dal vento, dell’attrazione per gli abissi e per quello che succede sotto acqua, del fascino selvaggio nei confronti di qualcosa che non avevo provato prima, mai.
Bene, queste mie sensazioni sono andate letteralmente in tilt dopo la mia ultima gita.
Quello che ho visto, cari miei, è qualcosa che va oltre.

Un mondo incontaminato e minaccioso, governato solo ed esclusivamente da una legge atavica, dove la terra e le pietre combattono e si scontrano con la potenza dei vapori bollenti che si sprigionano dal sottosuolo, dove l’acqua non è trasparente, non è blu, non è azzurra, non è niente di conosciuto o immaginato, dove le caverne hanno i soffitti incrostati di stalattiti e di insetti che brillano al buio e creano galassie stralunate e impossibili, dove tutto quello che sembra lasciato al caso è invece perfetto.

In una parola sola: preistoria. Questo è quello che ho pensato per tutto il weekend: quando c’erano i dinosauri, era tutto così.
Se state pensando che io sia diventata matta, che abbia usato parole a caso per descrivere un sogno ad occhi aperti…beh, continuate a seguirmi e cambierete idea.
Buon viaggio.

PS: tutte le foto sono mie tranne l’ultima (quella di Waitomo Cave) perché era naturalmente vietato fotografare gli insettini luminosi.

IMG_7517

IMG_7523

IMG_7482

IMG_7495

IMG_7483

IMG_7506

IMG_7543

IMG_7618

IMG_7599

IMG_7631

IMG_7624

IMG_7595

 

 

Waitomo Caves (https://sites.psu.edu)
waitomo-glowworm-caves-1

Share the love!
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Buffer this pageEmail this to someone