Il Nord dell’Isola del Nord

Abito in Nuova Zelanda da poco più di sette mesi e solo l’altro giorno mi sono decisa a studiare per bene una mappa, per capire che cosa ho già visto e che cosa mi manca da vedere. Naturalmente, non sono neanche a un quarto dell’ambiziosa missione di vedere TUTTO, ma ci sto lavorando molto seriamente.


Questa cartina mostra solo l’Isola del Nord (a Sud ancora non ci sono stata) e, come potete immaginare, i cerchietti blu indicano i posti in cui sono stata.
Vorrei proporvi una lista dettagliata di luoghi e attrazioni…il fatto è che questo paese offre qualcosa di recondito e ineffabile che non riesco a spiegare né tantomeno riesco a inserire in un elenco.

Potrei definirlo come la sensazione reale di essere soli in un luogo enorme dove domina la natura.
Potrei provare ad identificarlo come silenzio puro interrotto solo dall’urlo del vento. Un silenzio che non avevo mai ascoltato fino ad oggi.
Potrei spiegarvelo come se fosse un enigma che non voglio decifrare: quando guardo l’oceano, ad esempio, mi chiedo sempre che cosa sta succedendo sotto l’impeto delle onde.

Schermata 2014-06-04 a 12.40.06

Se siete ancora con me e non vi siete ancora stancati dei miei vaneggiamenti, seguitemi. Vi mostrerò i miei luoghi preferiti e spero di trasmettervi almeno una parte del mio stupore.
Siamo nella parte settentrionale dell’Isola del Nord.
 
Muriwai Beach, il primo posto dove mi hanno portata quando avevo messo piede in Nuova Zelanda da meno di un giorno. (foto scattata da Meg, qualche mese dopo)
 
Muriwai Beach
 
KareKare (la spiaggia nera di “Lezioni di piano”)
 
KareKare
 
Piha, definita la spiaggia più pericolosa della Nuova Zelanda. Nel dubbio, io non ho fatto il bagno.
 
Schermata 2014-06-04 a 11.51.24
 
Le onde di Pakiri -che non ho fotografato perché ero impegnata a tenermi a galla- il cielo e la Via Lattea di Matakana
 
Matakana
 
KiteKite falls (in cima alla cascata!)
 
KiteKite falls
 
Lo skyline di Auckland da Waiheke Island
 
Waiheke
 
Il cimitero di Russell (il primo insediamento europeo della Nuova Zelanda. Mi è piaciuto tanto il paesino ma ovviamente ho preferito il cimitero. Curiosità: la chiesa che vedete sullo sfondo è stata in parte finanziata da Charles Darwin)
 
Russell
 
Cape Reinga, dove si scontrano l’Oceano Pacifico e il Tasman Sea (e si vede a occhio nudo) e le anime dei Maori partono per il loro ultimo viaggio. Più a Nord di così non si può (anzi, in teoria sì perché North cape è ancora più in su)
 
Cape Reinga
 
Tane Mahuta, il più grande kauri esistente. Questo big boy, tra l’altro, è lì da più di duemila anni.
 
Tane Mahuta
 
Ninety Miles Beach, novanta chilometri di spiaggia e di vento. Ovviamente, non si riesce a scorgere la fine.
 
Ninety Miles Beach
E qualche altra foto, così per darvi l’idea.

 

Schermata 2014-06-04 a 11.43.53
 
Schermata 2014-06-04 a 11.37.52
 
Schermata 2014-06-04 a 11.45.28
 
Schermata 2014-06-04 a 11.46.36
 
Schermata 2014-06-04 a 11.47.28
 
Schermata 2014-06-04 a 12.44.52
 
Schermata 2014-06-04 a 12.42.53
 
Schermata 2014-06-04 a 12.48.08

16 thoughts on “Il Nord dell’Isola del Nord

    • June 5, 2014 at 9:51 am
      Permalink

      Arriveranno presto! <3

      Reply
  • June 5, 2014 at 8:50 am
    Permalink

    Bellissimo, ho ancora più voglia di andare in NZ ora (soprattutto a Muriwai Beach!)

    Se ti va, scrivi un post in cui consigli cosa vedere se si viene per un viaggio di (massimo) una settimana con alloggio a Auckland? :)

    Reply
    • June 5, 2014 at 9:51 am
      Permalink

      Ci penso! Se vieni a Auckland, non ti serve un post…ti porto in giro io!
      Comunque le prime foto (Muriwai, Piha, Waiheke…) sono state scattate nei dintorni di Auckland (a parte l’estremo nord, non mi sono spinta molto più in là!)

      Reply
        • June 5, 2014 at 10:36 am
          Permalink

          Chissà! Ho il visto da residente quindi per un po’ posso rimanere…voi intanto organizzatevi! :)

          Reply
  • June 5, 2014 at 8:58 am
    Permalink

    Tu esplora che io ti seguo, così nel 2016 saprò già dove andare :D

    Reply
    • June 5, 2014 at 9:54 am
      Permalink

      Ti aspetto! (dove sei ora?)

      Reply
      • June 8, 2014 at 2:11 am
        Permalink

        Al momento tra Sandonoia e Jesolandia, da settembre per un annetto sarò a prendere pioggia in Galles!

        Reply
    • June 5, 2014 at 10:14 am
      Permalink

      ma se ci organizziamo un tour nel 2016 insieme (così intanto ho il tempo di risparmiare)?

      Reply
      • June 8, 2014 at 2:15 am
        Permalink

        Un progetto – che poi chissà come andrà – è il WHV nel 2016, quindi nel caso va benissimo (così intanto ho il tempo di reclutare una dolce metà da qualche parte e non fare quella spaiata :P )

        Reply
  • June 5, 2014 at 9:54 am
    Permalink

    Vero? Ed è davvero così…al massimo ci sono i gabbiani!

    Reply
  • June 5, 2014 at 10:21 am
    Permalink

    che meraviglia Giulia..le tue foto fanno sognare
    spero di sentire presto quella solitudine immensa, e le onde dell’oceano..
    un abbraccio
    O

    Reply
  • June 5, 2014 at 10:56 am
    Permalink

    Ma che meraviglia!

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>