Lo scaffale d’oro

“Questo libro lo metto sullo scaffale d’oro”
In senso figurato, naturalmente: non ho ancora una libreria con i carati.
Riporre un libro sullo scaffale d’oro, per me, significa ringraziarlo per essere stato così speciale. Invece di dire che è uno dei miei libri preferiti, io lo metto su uno scaffale dorato immaginario.

tumblr_mlgy2eanXh1qaoc3do1_500

Tempo fa, la mia amica -e nuoker- Elena mi ha chiesto: “Ma si può sapere quali sono questi libri? Mi fai una lista? Me ne dici una decina?”.
Una delle cose più difficili: come scegliere una manciata di libri -per me- indispensabili e speciali tra le centinaia (migliaia?) lette fino ad oggi? Elena mi ha lanciato una bella sfida.
Però alla fine ci sono riuscita!

00d7b8534925e239b9e4983e188a7ead

Ecco i miei pupilli (in ordine casuale):

“Il Piacere” Gabriele D’Annunzio
“Cent’anni di solitudine” Gabriel García Márquez
“Il grande Gatsby” Francis Scott Fitzgerald
“Il nome della rosa” Umberto Eco
“Il Gattopardo” Giuseppe Tomasi di Lampedusa
“Il diavolo in corpo” Raymond Radiguet
“Il giardino dei Finzi Contini” Giorgio Bassani
“Norwegian Wood” Haruki Murakami
“Il Giovane Holden” Jerome David Salinger
“Molto forte, incredibilmente vicino” Jonathan Safran Foer
“La coscienza di Zeno” Italo Svevo

Ne ho esclusi alcuni, è vero, e l’ho fatto con tanto dispiacere.
Poi mi sono detta: perché non chiedere ai miei amici di regalarmi anche i loro scaffali d’oro per trarre ispirazione, per scoprire nuovi autori e per confrontarci?

999b3fe6be770a937d616de2db77eccf

Ed ecco che scatta la seconda rubrica di questo blog! 

Chi vuole riempire uno scaffale? Scrivetemi 🙂

3b068ccac996edb92cb44bce4f1b2193

Share the love!
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Buffer this pageEmail this to someone
  • Brunhildeswelt

    Allora, ecco i miei tomi:
    1) «Alla ricerca del tempo perduto», M. Proust. Contalo come uno sennò ho già bell’e finito;
    2) «Il Signore degli Anelli», J.R.R. Tolkien;
    3) «I Buddenbrook», T. Mann;
    4) «Il Barone rampante», I. Calvino;
    5) «Il Gattopardo», Tomasi di Lampedusa (ebbene sì, anch’io);
    6) «Guerra e Pace», L. Tolstoj;
    7) «Il Maestro e Margherita», M. Bulgakov;
    8) «Pippi Calzelunghe», A. Lingdren;
    9) «Madame Bovary», G. Flaubert;
    10) «1984», G. Orwell.

    «Il grande Gatsby» lo sto leggendo adesso, ti farò sapere 😉

  • Bella occasione per fermarsi due minuti e ripensare ai 10 libri più belli letti fino ad oggi. (grazie :))

    Anch’io in assoluto ordine casuale:

    Il giovane Holden

    Black Boy (Richard Wright)

    L’isola di Arturo (Elsa Morante)

    Una casa alla fine del mondo (Michael Cunningham)

    Dance, dance, dance (Murakami)

    Cosa tiene accese le stelle (Mario Calabresi)

    Il segno rosso del coraggio (Stephen Crane)

    Un amore (Dino Buzzati)

    Addio alle armi (Hemingway)

    Cronaca di poveri amanti (Pratolini)

    Voilà.

    p.s. ‘Norwegian wood’ è sullo scaffale che mi aspetta…prima devo finire ‘lettere da Capri’ di Mario Soldati.

  • Pingback: I libri sullo scaffale d’oro di Giulia | nastenka()

  • Pingback: La poetica emozione di Villa De Faveri | Giulia Depentor()