Se niente importa, perché mangiamo gli animali? (J. Safran Foer)

La prima cosa che mi chiedo riguardo a questo libro è: davvero le persone lo leggono e, nonostante ciò, continuano a mangiare carne e tutto il resto?

Arrivano all’ultima pagina, lo chiudono, lo ripongono sulla libreria e finisce lì?

Se è così, esistono solo due spiegazioni:

1) Le persone hanno una memoria così labile, che dimenticano tutto nel giro di 286 pagine
2) Le persone, di base, sono invariabilmente e inevitabilmente crudeli e menefreghiste

Tendo a propendere per la seconda opzione.

Sì, sono di parte e felice di esserlo. Molto tempo fa ho capito di essere abbastanza evoluta da poter rinunciare a carne e pesce e da comprendere che non ci sono esseri inferiori, salvo quelli che, in nome della buona bistecca o della pelliccia calda, si sentono dotati dell’onnipotenza necessaria a decidere della vita e della morte degli altri animali.
Sì, sono di parte e in questo mi sento infinitamente superiore.

Di cosa parla il libro di Safran Foer? Come forse avrete intuito dal titolo, indaga sulle motivazioni che spingono alcuni animali (gli uomini) a dire di amare alla follia altri animali (cani e gatti ad esempio) e allo stesso tempo a cadere nell’enorme contraddizione, mangiandosene senza pietà altri (mucche e maiali). Perché? Apparentemente nessuno riesce a spiegarlo.
C’è chi non mangia i cavalli “perché i cavalli si cavalcano” (giustificazione davvero…fantasiosa), ci sono i popoli che si mangiano barboncini e insetti e quelli che truccano e vestono le mucche perché le ritengono sacre.

Tutto è relativo, quindi. Quello che fa Safran Foer, in modo decisamente mirabile, è evidenziare questa relatività e contraddizione, basandosi su ricerche condotte personalmente. Ricerche in allevamenti industriali, biologici e in fattorie. Ricerche ostacolate nella maggior parte dei casi, perché certo gli allevatori non vogliono far vedere come trattano i loro animali, non vogliono far vedere che sono ammalati e pieni di infezioni, non vogliono far vedere molte delle tremende crudeltà e infrazioni igieniche che vengono perpetrate all’interno di quelle “fabbriche di carne”.
Fabbriche nocive, non solo per la salute umana, ma anche per l’ambiente e le popolazioni del terzo mondo, perché si sa anche se si continua a negarlo che se fossimo “almeno” vegetariani, ci sarebbe da mangiare per tutti. Si sa, anche se si continua a negarlo, che gli allevamenti sono una delle maggiori fonti inquinanti del mondo moderno.

Tutto questo si sa, viene ripetuto e certificato ma OPZIONE NUMERO 2 “Le persone, di base, sono invariabilmente e inevitabilmente crudeli e menefreghiste”.

A riprova di ciò e della stupidità che deriva da questa ingordigia e da questo menefreghismo, l’altro giorno, mi è capitato di leggere uno status in Facebook  davvero infantile e disarmante: “non ho mai visto un vegano felice”.
Direi che non merita neanche risposta. Solo violente prese di coscienza e un grosso sorriso commiseratorio.
(avrei voluto scrivere qualcosa, ma non me la sentivo di infierire.)

Se ve lo state nuovamente chiedendo, sì mi sento infinitamente superiore.

 

VOTO:  io ero già vegetariana, l’ho letto e ora sono vegana. Direi che ha funzionato.

 

Share the love!
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Buffer this pageEmail this to someone
  • Me lo chiedo spesso anche io, come facciano a trangugiare qualcosa cancellando da dove viene … In tanti mi dicono la stessa cosa: se il pollo lo dovessi spennare io non me lo mangerei. Se il maiale lo dovessi scannare io non lo farei … Però poi riescono a dimenticare che il pollo è stato strozzato, il maiale dissanguato … Misteri del cervello umano …